Imu - Imposta municipale sugli immobili

Imposta municipale - premessa


Il D.Lgs. 14 marzo 2011, entrato in vigore il 7 aprile 2011 n. 23 ha introdotto, per il finanziamento dei comuni, due nuove forme di imposizione municipale:

Soggetti passivi


I soggetti passivi sono i proprietari degli immobili sopra descritti, ovvero i titolari di diritto reale di usufrutto, uso, abitazione, enfiteusi, superficie sugli stessi, anche se non residenti nel territorio dello Stato o se non hanno ivi la sede legale o amministrativa o non vi esercitano l'attività.

Calcolo della base imponibile


Per effetto delle modifiche apportate al D.L. n. 201/2011, la base imponibile dell'IMU è costituita dal valore dell'immobile determinato ai fini ICI solo per i fabbricati del gruppo D non iscritti in catasto e per le aree fabbricabili.

Fabbricati rurali e accatastamento


I fabbricati rurali, finora esclusi dal campo di applicazione dell'ICI, a seguito dell’entrata in vigore del decreto “Salva Italia” devono essere assoggettati all'imposta municipale (IMU).

Domanda di variazione catastale ai sensi del decreto sviluppo


Il D.L. n. 70/2011 (cd. «Decreto Sviluppo») aveva previsto con i commi ora abrogati (commi 2-bis, 2-ter e 2-quater dell'art. 7) che i soggetti che volevano ottenere il riconoscimento ai fini fiscali della ruralità degli immobili, potevano presentare domanda di variazione catastale all'Agenzia del territorio entro il 30 settembre 2011 per l'attribuzione (virtuale) all'immobile della seguente categoria catastale: